Anonim

NOI E LA MACCHINA

VEDI CHI È ARRIVATO

AUTO-BIOGRAFIA DI ALLA SURIKOVA

La prima cosa che ha detto: "Ho già trovato un nome per la tua intervista." Come disobbedire al regista, abituato a comandare?

Il monologo fu interrotto da Elena VARSAVIA

Foto di Vladimir Maykovsky

- Come per le madri con molti bambini, tutto è legato alle date di nascita dei bambini, i fatti della mia biografia sono correlati alle immagini. Nel 1985, sul set del film “Cordiali saluti”, ha ricevuto “diritti” e ha iniziato a cavalcare gli “Zaporozhets” - non un “gobbo” o un “orecchio grande”, ma un “portasapone”.

- E come?

- Il guidatore e il regista sono persone a cui piace guidare. Solo come regista devo "guidare" un meccanismo molto più complesso. Nella troupe cinematografica, persone con diversi personaggi, stati d'animo, ambizioni - devono lavorare in gruppo. Guidare una macchina è molto più semplice, anche se, ovviamente, devi anche adattarti …

1987 anno. "Man from Kapucin Boulevard" - "Zaporozhets" è stato venduto, il VAZ "cinque" è apparso. È stato così: ho dato il mio biglietto per un festival cinematografico a un funzionario e mi ha aiutato a uscire di turno … nella linea "Mosfilm" per l'acquisto di un'auto. Quindi, nella figura "Due frecce" è apparso "sei", e su "Pazzo" - "sette". No, non così, confuso. Dopo Nutty, ho comprato un VAZ 2106. Quindi il regista del film ha dichiarato di essere d'accordo con la fabbrica: teniamo concerti a Tolyatti e ci danno auto. In termini di concerti - gratis, macchine - per soldi. Andiamo Il nostro sbarco è atterrato sul posto - Nikolai Karachentsov, Olga Kabo, io … Una donna pallida, eccitata ci incontra: "Suonerai davvero gratis?", "Farai davvero cinque concerti?" Rispondiamo: "Sì, sì. .. ". E poi hanno deciso di chiedersi: "Possiamo davvero comprare auto qui?" Si scopre che ne ha sentito parlare per la prima volta e che nessuno conosce un simile accordo! Bene, non andartene per noi - il pubblico non è da biasimare. Hanno deciso: dato che sono pazzi, saremo dappertutto, completamente pazzi. Ha dato concerti gratuiti …

- E così sono rimasti senza auto?

- Bene, il leader sindacale di AvtoVAZ ci ha gentilmente offerto, come compenso per i concerti, di scrivere i nostri desideri su un pezzo di carta: chi vorrebbe acquistare quale modello … Oh, come abbiamo dipinto i nostri sogni!

Dopo un paio di mesi, uno è stato assegnato - Karachentsova. Lo ha "riassegnato" a me. Sono Ole Kabo (non aveva affatto una macchina). Questi sono così nobili! E quando Olga è andata a Togliatti per un acquisto, le ho consegnato (per ogni evenienza!) Una lettera a Kadannikov e la cassetta "Crazy" come regalo.

- Una mossa audace!

- Sì A quel tempo, sapevo già come scrivere tali documenti - ho acquisito esperienza quando "ho buttato giù" il telefono. Quindi ha presentato una domanda al gestore telefonico. E lo lesse e disse: “Dove sono le lacrime? Abbiamo bisogno di più lacrime! ”Qui ho scritto a Kadannikov, se necessario, con una lacrima. E quando ho già dimenticato di pensarci - un telegramma: puoi comprare un'auto. Erano solo i Sei. Ci sono andato fino alle "vacanze di Mosca".

Quindi si trasferì nel VAZ 2107. Ora, finalmente, è apparsa la Volkswagen Jetta - tuttavia, l'auto non è nuova, 1991, ma molto tenera. A proposito, il suo aspetto è anche associato all'immagine: nel 1998 abbiamo girato la commedia "Voglio andare in prigione!".

Il film in cui la macchina ha un ruolo importante. In breve, la trama è questa: il moderno Lefthander, lasciato senza lavoro, si associa accidentalmente ai mafiosi. I banditi hanno usato le sue abilità e ingannato, lasciandolo solo con la polizia. E Semyon Lyamkin - questo è il nome del protagonista, o meglio, del suo amico Vovan, l'idea viene: fuggire in Olanda per … andare in prigione ("fino a quando lo schukher non si sistemerà qui"). Ci va con la sua macchina. A Zaporozhets.

- Puoi immaginare …

- Il nostro ZAZ può nuotare, guidare attraverso cumuli di neve, sorpassa Mercedes sulla strada, quasi vola. Quando guardo i materiali della foto e vedo cosa fa "Zaporozhets", penso: "Dio, che macchina e perché una volta l'ho venduta! Ora sarebbe lo stesso. " Naturalmente, anche Sergei Vorobyov, regista stuntman, inventore ed entusiasta, “ne ha bisogno”. Grazie a Vorobyov, l'auto in Vacanze a Mosca, e ora in I Want to Go to Jail! Definisce il personaggio dell'eroe.

- Nelle "Vacanze" Yarmolnik va in giro su un passeggino da spiaggia. Questo è molto adatto a lui: un tale "candidato di scienze senza valore" …

- Nel film "Voglio andare in prigione!" Lyamkin, interpretata dal grande attore Vladimir Ilyin, che, secondo me, è stato il primo a interpretare un ruolo da commedia, guida uno strano giallo, saldato con tubi, con uno strano baule "Zaporozhets". Alla fine della foto, a proposito, questa piccola auto si occupa di due jeep, lasciando il vincitore. A proposito, in Olanda, dove abbiamo girato i due terzi della foto, la gente del posto stava cercando di pizzicare qualcosa, svitando dai nostri "Zaporozhets" come ricordo - era molto attraente.

Una macchina con grandi opportunità per le persone a basso reddito …

- Quanti "cosacchi" hanno dovuto essere infranti per ottenere una tale impressione?

- Ma questa è una domanda per un cruciverba o una lotteria - lascia che il pubblico si chieda.

- Sei un avversario di macchine distruttive?

- Una volta ho partecipato a un'azione, il cui significato è battere le macchine. Anche il merito del regista stuntman Sergei Vorobyov, tra l'altro. Una volta ha suggerito di prendere parte alle Gare di sopravvivenza. Ho accettato frivolosamente, non prenderlo sul serio. E improvvisamente, per il mio compleanno - una campana. Sergey annuncia che alle 11 del mattino dovrei essere a Krylatskoye.

Bene, la parola deve essere mantenuta. Mi sono messo cinque paia di pantaloni, cinque maglioni, un cappello (questo si chiama protezione per gli stuntman). Ed ecco la razza delle "stelle". Fomenko, Yakubovich, a quanto pare, Borova. Era il mio turno, Sergei guida la macchina. Sto cercando di sedermi e … Non riesco a entrare! La "forma del corpo" più la "protezione" impediscono l'aderenza al sedile! Un'altra macchina - la stessa storia, la terza … Beh, dico, non il destino, andrò da mia madre. Ma Vorobyov non si arrende e dà un vero, da corsa! Non c'è uno specchietto retrovisore, il casco è grande, mi sta scivolando negli occhi, in autostrada, a differenza degli altri, non lo ero, non la conosco, e anche l'auto che si sta strappando, tocco a malapena il pedale del gas! Granite, sporco sotto le ruote (novembre!). In generale, ho "inseguito" secondo il principio: pedali piano, continuerai. Non ho lasciato la gara, anche se ce n'erano, ho raggiunto il traguardo da solo. E ha vinto … il primo posto tra le donne. Questo è solido! (È vero, era l'unica donna tra le partecipanti.) Una tazza, fiori, una serie di libri per qualche motivo sul lavoro a maglia e stivali della 41a taglia (non ce n'era di meno - l'evento era per uomini). Mi hanno letto la poesia, hanno guidato su una carrozza - hanno trascorso una vera vacanza! E poi i figli dei miei amici mi hanno rispettato per molto tempo, fino a quando non si sono dimenticati di questa impresa. In generale, per me, un'auto fa parte della mia vita. Questa è la parte migliore di una di me: casalinghe, "nostalgiche", "portate". Questa è la mia difesa.

- Non risolve la domanda tradizionale, ma ancora: che dire della polizia stradale?

- Mi arrendo subito. Sorrido sempre. Molto impaurito, non discuto mai. E non esco mai dalla macchina. A proposito, ho guidato una volta, anche per il mio compleanno, e mi sono girato nel posto sbagliato. E dopo circa trecento metri, l'ispettore si ferma. Come, secondo me, potrebbe notare? Apro la finestra: "Mi dispiace, mi dispiace, è il mio compleanno oggi …" E lui: "Non devi incolpare nulla - controllare i documenti!" Ho visto fiori da dietro: "Congratulazioni per le vacanze!".

- E se, tuttavia, una violazione? Immediatamente: sono così e così, da lì?

- In qualche modo sono stato catturato per la velocità. Dico al poliziotto del traffico: "Vengo dal film, mi dispiace, sono in ritardo per le riprese" … Risponde così cupamente: "Odio il film!"