Anonim

La nuova legge "sugli emendamenti al codice della Federazione russa sui reati amministrativi", firmata dal presidente del paese il 24 luglio, ha provocato una reazione ambigua tra gli automobilisti. Alcuni articoli che sono entrati in vigore nel luglio di quest'anno hanno già suscitato polemiche. A gennaio e luglio del prossimo anno, quando la legge sarà pienamente attuata, è probabile che il dibattito diventi ancora più intenso.

L'ufficio dell'Ispettorato statale per la sicurezza stradale della regione di Ul'janovsk ha fornito ulteriori spiegazioni in merito alle innovazioni. Svetlana Yashnova, consulente legale senior presso l'Ispettorato statale per la sicurezza del traffico della regione di Ul'janovsk, ha sottolineato che l'obiettivo delle modifiche non è solo quello di ridurre il numero di incidenti, ma anche di ridurre il numero di vittime in incidenti. Ciò si riferisce principalmente all'aumento delle ammende dal gennaio 2008 per una cintura di sicurezza non allacciata. I tassisti protestano contro la natura obbligatoria di questo requisito: dicono che, allacciate le cinture di sicurezza, diventano più indifesi se i passeggeri li attaccano. Le loro paure possono essere comprese, ma la legge è la stessa per tutti i cittadini russi e non farà eccezioni per i tassisti. Probabilmente, i nostri tassisti dovranno installare una partizione antiproiettile in cabina, seguendo l'esempio di quelli americani. O avviare modifiche al Codice dei reati amministrativi.

Dall'11 luglio, sono stati puniti molto più severamente per essere entrati nella corsia imminente, con una multa compresa tra 1.000 e 1.500 rubli, anche se il guidatore ha fatto questa manovra per evitare un ostacolo. Se, tuttavia, l'auto continua a muoversi lungo la corsia in arrivo, la punizione è la privazione del diritto di guidare il veicolo per un periodo da quattro a sei mesi. Vale la pena notare che solo una giustizia della pace può privare una persona della patente di guida. Se non sei d'accordo con questa decisione, puoi presentare ricorso a un tribunale superiore entro 10 giorni.